Testo e foto di Amelia De Francesco

Domenica 12 marzo, temperatura da villeggiatura estiva, lungomare splendido sotto un sole che preannuncia primavera. Portorose è solo poco oltre il confine fra Italia e Slovenia, in una terra che ogni volta che la tocco mi affascina e mi suggerisce, con discrezione, bisbigliando all’orecchio, di ritrovarla: boscosa o marina (per quel breve tratto di costa), resta pur sempre un’elegante signora. Portorose, dunque, ore 15,00 in punto.

All’Hotel Slovenija iniziano i lavori del Festival Malvazija, un appuntamento dedicato alla Malvasia Istriana con degustazioni guidate e, soprattutto, due interi pomeriggi per la degustazione dei vini di produttori sloveni e croati. La Malvasia Istriana, vitigno secco e asciutto, fresco e sapido in bocca, da noi in Italia è conosciuto per i tanti vini friulani (di Collio, Carso, Isonzo), ma trova in Istria slovena e croata un’espressione del tutto peculiare.

Iniziamo gli assaggi, zona per zona, partendo da Cittanova con il Ghira 2015 di Mihelic. Sapidissimo, da vigne cresciute su di una terra rossa assai prossima al mare, è risultato di una defogliazione anticipata e di una breve macerazione sulle bucce. Un vino pronto da bere, non pensato per l’invecchiamento, ma chissà… il primo imbottigliamento, infatti, è del 2011, in 5mila bottiglie soltanto. Forse l’assaggio più interessante della giornata.

Proseguiamo con il Tomaz 2016, più aromatico e gentile al naso, meno sale e le caratteristiche donate da un territorio più interno, oltre alla gradevole semplicità e immediatezza dovute probabilmente al breve periodo in bottiglia.

E poi Vina Prelac 2015, macerato due settimane, un’azienda che si trova nella cittadina di Momiano, Istria croata, e che, da brochure, vanta anche una trattoria e locanda con camere. Un buon motivo per visitarla, magari?

Un salto nel Carso con Sanabor Malvazia, 2015, calcare bianco nel bicchiere, un vino minerale e gessoso, che dopo 4 giorni sulle bucce riposa poi un intero anno in botte.

E ancora Montis Laura 2016, macerata una decina di giorni, un gran corpo, rotonda e precisa, in bocca cioccolato bianco e mandorla. Un’azienda biologica, con boschi e oliveti a Montinjan. Una sorsata di Mediterraneo.

È la volta di Capodistria e concludiamo le nostre degustazioni con Markezic Malvazia 2015, una malvasia matura, austera e burrosa zona e con un ultimo sorso di Istria slovena, Vinales 2011, macerata oltre tre anni in legno, che non si fa dimenticare e in bocca pare uno Sherry con i suoi 17 gradi.

Ore 18,00. Fuori, lo stesso sole, soltanto più tiepido. L’impressione forte che eventi di questo tipo sul vino siano una ricchezza e vadano promossi e sostenuti. E ripartiamo, soddisfatti, verso il confine, che stavolta per noi è casa.