Cook_inc. 20 is out!

“Meticcio, bastardo, mezzosangue, contaminazione, incrocio”. Cook_inc. 20 è un numero in cui convivono felici e contenti luoghi, culture e stili assai diversi. Partiamo dal Nord Europa con la storia di Esperanto, in cui uno chef made in Thailand ma cresciuto in Svezia valorizza prodotti che più local non si può tessendoli in trame contaminate e originali. Scendiamo a Berlino, la capitale multiculturale di punk-pop-electro, epicentro di culture differenti riassunta in un itinerario gastronomico da non perdere. Proseguiamo da Montréal dove la cucina rustica canadese si è fusa nei secoli con il British & French style per arricchirsi poi di suggestioni provenienti da mezzo mondo, in un orgoglioso e pacifico métissage. Poi ci spostiamo in Francia, nella Parigi delle “gloriose bastarde“, le sorelle Levha, 100% origine filippina, che dalla soglia di Le Servan stanno incantando il mondo a suon di ricette originali in cui troverete l’eco delle lunghe estati trascorse da bambine nella loro terra. La tappa seguente è Madrid perché è la volta di presentarvi l’estroso Dabiz Muñoz e il suo DiverXO. Nel nome del locale è riassunto l’intero programma culinario, nel piatto cucina cucinata e un’avanguardia del tutto personale. Una puntata a New York, nel West Village, giusto il tempo di conoscere la via del Té (sì, l’accento è quello giusto!) percorsa da Elena Liao e Frederico Ribeiro, lei di origine cinese, lui portoghese: una geografia di sentimenti fatta “di tazzine, teiere, colini, piattini, nashi, cachi, foglie di tè, stoffe e ricami”. E come resistere all’irresistibile richiamo di Taipei, i colori sgargianti del mercato, la proposta dello chef Kai Ho che, partito dalla cucina tradizionale cinese e dopo aver girato per mezzo mondo, incontra quella francese da cui resta folgorato tanto da illuminare la gastronomia taiwanese di questa nuova luce? E l’Italia? Beh, il nostro percorso ci ha portati sulle montagne del Cadore da Aga, dove isola e continente si abbracciano e si fondono con grazia tecnica ed eleganza nei piatti di Oliver e Alessandra, per poi intrufolarci dentro le mura di Lucca fino al Giglio, storico avamposto della cucina lucchese di tradizione dove si sta girando, da qualche tempo, un Big Family affair ricco di colpi di scena e novità. L’Abruzzo, terra di calanchi dove un giovane Gianni Dezio, di romitiana formazione, unisce il Venezuela in cui è cresciuto all’esperienza del ristorante di famiglia creando un locale Tosto (di nome e di fatto) in cui declina la propria sensibilità culinaria. Quindi il viaggio procede in direzione di Napoli e della sua pizza, con la tradizione profondamente innovata da Enzo Coccia, che ha parlato tra i primi della nuova figura del pizzaiolo contemporaneo, che si pone domande su impasti e lievitazioni e che rivendica un modo di pensare la pizza fuori dai soliti schemi… Continua a leggere.


,

RISTORANTE DINA: NOVITÀ IN QUEL DI GUSSAGO

Un visionario, un cuoco, un musicista o un appassionato di arte moderna? Entrare nel mondo di Dina, il ristorante aperto da qualche mese in quel di Gussago, un paese dell’hinterland bresciano allargato, significa incontrare la spiazzante e poliedrica personalità del suo animatore ...
,

CURIOSE CAPRESI & ALTRI ABBINAMENTI - UN PO' DI LSMD11

Oltre Le Strade della Mozzarella, verso Le Strade del Mediterraneo. Oltre la Queen Buffalo Mozzarella simbolo del Cilento verso una desiderosa e perspicace apertura tematica all’intera filosofia che sta alla base della Dieta Mediterranea. L’edizione numero 11 (23-24 maggio 2018) è stata la più internazionale di sempre[...]
,

FESTA IN PIAZZA A SALINA

Mare cristallino e calette tranquille, cappereti e vigneti, stradine tortuose e piccole botteghe, hotel di charme e locali in piazza. Tutto questo lo potete trovare a Salina, l’isola eolina che il 30 giugno e il 1 luglio ospiterà due giorni di festa per dare il via alla seconda stagione della Pizzeria Franco Manca di Giuseppe Mascoli[...]
,

QUATTRO PASSI PER PRINCIPE REAL

Se state per programmare un viaggio a Lisbona, oltre ad aver scelto una delle mete turistiche europee più affascinanti e di gran successo degli ultimi anni, dovete sapere che la capitale lusitana vive in alcuni suoi quartieri centrali di vere e proprie ondate di popolarità e successo fulminanti, capaci di rendere certe aree “the place to be”[...]
,

SE NON MI LECCO LE DITA... GO.DO. SOLO A METÀ

Al giorno d'oggi in qualunque città si metta piede, anche per una semplice gitarella nel weekend, sappiamo già che troveremo una piccola e felice "isola" piena di food truck, pronti ad accoglierci con i loro profumi di fritto e l'abbraccio caldo e croccante del prodotto appena sfornato.
,

CO.SO. COCKTAIL & SOCIAL BAR

C’è stato un tempo in cui il Pigneto era l’emblema della gentrificazione capitolina. Racchiudeva un mix riuscito di veracità romana, movida giovanile, radical chic, pasoliniani nostalgici. Ma anche contaminazioni etniche, incontro e scontro di culture. Ben lontano dai quartieri d’oro della Roma Centro dove tutto è statico[...]
 

Iscriviti alla Newsletter e ricevi aggiornamenti sulla nostra rivista!